Azienda Ospedaliera di Perugia

L'ammaina bandiera all'ospedale da campo militare con il Generale Figliuolo

Il saluto ai militari e ai sanitari militari dell'operazione "PERUSIA"


Nel pomeriggio di venerdì 28 maggio, il Commissario per l’Emergenza Covid, Gen.le Francesco Paolo Figliuolo insieme alla Presidente della Regione Donatella Tesei, al Prefetto della provincia di Perugia, Armando Gradone e al Sindaco di Perugia Andrea Romizi accompagnato dal Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, Marcello Giannico, si sono recati a piedi all’ospedale da campo militare partendo dalla palazzina del CREO dove si sono tenuti i saluti istituzionali agli operatori sanitari.

Il Gen.le Figliuolo si è voluto recare personalmente all’ospedale militare, dove sono in corso le operazioni di ripiegamento, per salutare i militari, del Reparto Sanità “Napoli” di Persano, diretti dal comandante tenente colonnello Mario Galati, e partecipare all’ammaina bandiera.

Ad accoglierlo sul posto il comandante del Comando Logistico di Roma, Gen.le Roberto Nardone che ha guidato il rituale.

Schierati anche i militari sanitari del Policlinico militare “Celio” di Roma, diretti dal medico tenente colonnello dottor Antonio Saponaro e dal coordinatore infermieristico Tonino Caporali.

Alle 14.45 il Gen.le Figliuolo ha concluso la sua visita all’Azienda Ospedaliera di Perugia e accompagnato dalla Presidente della Regione Tesei si è recato al punto vaccinale di Corciano.

Il saluto istituzionale ai militari impiegati nell'operazione "PERUSIA" si sono tenuto presso la sala Montalcini del CREO alla presenza del Direttore generale, Marcello Giannico, e del Sindaco Andrea Romizi, che ha fatto omaggio ai comandanti del baiocco d’oro moneta simbolo del Comune di Perugia.





L'OSPEDALE MILITARE DI PERUGIA - OPERAZIONE PERUSIA

I lavori di montaggio dell’ospedale militare per l’emergenza Covid sono iniziati il 7 novembre 2020 e si sono conclusi dopo 2 giorni.

Il personale sanitario militare è arrivato a Perugia l’11 novembre e il primo paziente covid è stato ricoverato il 12 novembre 2021.

L’ospedale militare era composto da 34 posti letto low care e 3 posti letto di sub intensiva. In  totale sono stati assistiti 275 pazienti covid a bassa intensità di cure. L’ultimo paziente è stato dimesso a metà maggio 2020.

L’equipe del personale sanitario militare impiegato era composta da: 7 medici di cui  1 direttore dell ospedale campale,  1 farmacista, 11 infermieri, di cui 1 coordinatore infermieristico, e 11 operatori socio sanitari. Tutti i militari sanitari provengono dal Policlinico Militare Roma “Celio”.

Attualmente la direzione saniatria era affidata al tenente colonnello medico dottor Antonio Maurizio Saponaro che si è avvicendato a marzo al tenete colonnello dottor Gaetano Luigi Nappi, supportato dal Coordinatore infermieristico primo luogotenente Tonino Caporali.

Oltre ai sanitari, sono stati sempre presenti 25 militari addetti al mantenimento e al funzionamento della struttura campale diretti dal comandante, tenente colonnello Mario Galati del decimo reparto di sanità “Napoli” di Pessano (SA).

L’intera operazione “Perusia” è stata seguita dal Brigadier Generale Roberto Nardone, Comandante del Comando dei Supporti Logistici.

Le attività di ripiegamento sono iniziate 22 maggio scorso e termineranno entro la fine del mese.
Contenuto inserito il 29-05-2021, aggiornato al 30-05-2021

Ultime notizie

Notizia

Celebrata la Santa Messa in ricordo del dottor Vittorio Trancanelli

Il Cardinal Gualtiero Bassetti ricorda il noto chirurgo nel XXIII anniversario della morte

Notizia

In quiescenza Carla Ferri pioniera nell’informatizzazione dei laboratori del perugino.

Ferri: ”Ho avuto la fortuna di lavorare con personale straordinario e sempre uniti come una squadra, abbiamo raggiunto grandi risultati per la nostra utenza” 

Notizia

VIDEO CHALLENGE “La Vacinada” - progetto multidisciplinare

L’ Unità Spinale Unipolare lancia la sfida alle strutture sanitarie italiane.

Notizia

Donazioni di sangue

Scorte a livelli bassi, la Regione invita i cittadini a donare