Azienda Ospedaliera di Perugia

Rimodulazione posti letto Terapia Intensiva 2

  • WhatsApp Image 2020-11-16 at 13.15.21
Cinque posti letto per accogliere pazienti no Covid che necessitano di assistenza intensiva


L’Azienda Ospedaliera di Perugia comunica che, tenuto conto della riduzione della pressione sui ricoveri covid, è stata effettuata la conversione di alcuni posti letto in Terapia Intensiva 2 per accogliere pazienti no-covid con problematiche internistiche, chirurgiche e traumatologiche che necessitano di assistenza intensiva.

Grazie alla moderna struttura modulare e molto versatile della terapia intensiva, strutturata a compartimenti, è stato possibile convertire in piena sicurezza 5 posti letto per pazienti bianchi e continuare riservare gli altri 11 ai pazienti Covid positivi.

“La situazione attuale della pandemia – dice il dott. Marcello Giannico, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia – mostra un andamento che tende a ridurre la pressione sui ricoveri Covid quindi abbiamo potuto attuare una rimodulazione elastica dei posti letto di terapia intensiva. Le aree compartimentali del reparto di Terapia Intensiva 2, diretto dal Prof Edoardo De Robertis,  sono dotate di un sistema di areazione indipendente e garantiscono una diversificazione dei percorsi in massima sicurezza permettendo una rimodulazione in breve tempo in base alla domanda dei posti covid. Lo sforzo organizzativo – continua - è notevole e per questo ringrazio il personale sanitario che si trova a dover fronteggiare questi continui adattamenti dell’organizzazione”.
Contenuto inserito il 20-04-2021, aggiornato al 21-04-2021

Ultime notizie

Notizia

Eseguito all’Ospedale di Perugia il primo intervento in Italia di chirurgia ortopedica con strumentario di ultima generazione

Utilizzato per la prima volta un foot ring con scarpa d’appoggio il per il trattamento di gravi lesioni traumatiche

Notizia

12 maggio: Giornata internazionale dell'infermiere

Video omaggio per celebrare la professione infermieristica

Notizia

Comunicato stampa Direzione Generale

Smentita notizia su esternalizzazione servizi di radiologia.