Azienda Ospedaliera di Perugia

GREEN PASS

Obbligo di possesso e di esibizione della certificazione verde Covid-19 da parte del personale NON SANITARIO


PREMESSA

L’articolo 4 del Decreto-legge 1 aprile 2021, n. 44 stabilisce che gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2, che tale vaccinazione costituisce requisito essenziale per l'esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative dei soggetti obbligati e che la sua mancata effettuazione, salvo specifiche condizioni cliniche documentate, determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio.

Pertanto tale personale non sarà soggetto all’obbligo di possesso e di esibizione di certificazione verde COVID-19 (“Green pass”) nei luoghi di lavoro.


OBBLIGO DI POSSESSO E DI ESIBIZIONE DEL GREEN PASS

Il Decreto-Legge 21 settembre 2021, n. 127, recante “Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde Covid-19 e il rafforzamento del sistema di screening”, all’articolo 1, ha esteso, a partire del 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021 (termine di cessazione dello stato di emergenza), a tutto il personale delle pubbliche amministrazioni l’obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19 (c.d. “green pass”) quale condizione per il primo accesso al luogo di lavoro e, conseguentemente, per lo svolgimento della prestazione lavorativa.

Il possesso della certificazione verde e la sua esibizione sono condizioni che devono essere soddisfatte al momento dell’accesso al luogo di lavoro. Il lavoratore che dichiari il possesso della predetta certificazione, ma non sia in grado di esibirla, deve essere considerato assente ingiustificato e non può in alcun modo essere adibito a modalità di lavoro agile.

Resta inoltre fermo, per il personale dipendente, ancorché munito di detta certificazione, il rispetto di tutte le istruzioni fornite dal datore di lavoro per la riduzione del rischio di contagio, come, ad esempio, il divieto di recarsi sul luogo di lavoro in presenza di sintomi riconducibili alla malattia.


ESENZIONI


Tale obbligo è escluso per i soli soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute.

Per tali soggetti il controllo sarà effettuato mediante lettura del QRCODE in corso di predisposizione. Nelle more del rilascio del relativo applicativo, tale personale, previa trasmissione della relativa documentazione sanitaria al medico competente dell’amministrazione di appartenenza, non potrà essere soggetto ad alcun controllo.

Resta fermo che il Medico competente, ove autorizzato dal dipendente, può informare il personale deputato ai controlli sulla circostanza che tali soggetti debbano essere esonerati dalle verifiche.


MODALITA' E SOGGETTI PREPOSTI AL CONTROLLO

Questa Azienda, allo scopo di verificare il rispetto dell’obbligo di cui si tratta, in ottemperanza al citato Decreto 127/2021, ha definito le seguenti modalità di controllo:

1) Accertamento effettuato all’accesso alla struttura, attraverso l’integrazione dei sistemi informatici utilizzati per la rilevazione automatica delle presenze (badge).

2) Accertamento, a campione, effettuato dopo l’accesso all’interno della struttura, da parte del Dirigente Responsabile di ogni singola Struttura/Servizio, appositamente delegato con atto scritto, il quale potrà avvalersi di più subdelegati per l’effettuazione delle verifiche.

Tale controllo sarà effettuato mediante l’utilizzo dell’applicazione VerificaC19”, con cadenza giornaliera, in misura non inferiore al 20% del personale presente in servizio con un criterio di rotazione su tutto il personale dipendente e, prioritariamente, nella fascia antimeridiana della giornata lavorativa. Il numero dei controlli effettuati dovrà essere giornalmente comunicato alla Direzione Generale.

Ove il dipendente sottoposto al controllo risulti sprovvisto della richiesta certificazione, o si rifiuti o non sia in grado di esibirla, senza legittimo motivo, il soggetto delegato al controllo dovrà intimargli di lasciare immediatamente il posto di lavoro e darne immediata comunicazione alla Direzione Generale.


La circolare interna n. 71612 del 14 ottobre 2021 è consultabile nell'Area Riservata del sito web aziendale.

Qui sotto le Linee guida della Presidenza del Consiglio dei Ministri 

LINEE GUIDA COVID LAVORO - OBBLIGO GREEN PASS



Contenuto inserito il 14-10-2021, aggiornato al 14-10-2021